Da non perdere

giovedì 19 ottobre 2017

"Tutta colpa di Mr Darcy" - Shannon Hale

Buongiorno ragazze, oggi vi propongo la recensione di un romanzo insolito e originale, pronte a scoprire di cosa di parla?
Titolo: Tutta colpa di Mr. Darcy
Autrice: Shannon Hale
Genere:Romanzo rosa 
Pagine:381
Prezzo:5.15 € e 15.73€
Formato: E-book e cartaceo
Data di pubblicazione: 18 Luglio 2017
Trama:Che cosa distingue una semplice lettrice di Jane Austen da Jane Hayes? Tutto: nella sua testa parole come "orgoglio", "pregiudizio", "ragione", "sentimento" hanno un significato ben diverso da quello del dizionario, e soprattutto, per lei, non c'è nessun uomo al mondo di cui valga la pena innamorarsi. Perché nessun uomo è e sarà mai Fitzwilliam Darcy - tranne Colin Firth nella migliore interpretazione della sua carriera, si capisce. Così, anche se Jane è una single trentenne che potrebbe godersi la vita a New York, le sue chance in amore sono regolarmente sabotate dalla sua fissazione platonica. Finché un viaggio la porta dove ha sempre sognato di andare: complice l'eredità di una prozia, Jane parte per Pembrook Park, Inghilterra. L'unico posto dove, tra costumi d'epoca, carrozze, balli di gala e rigida etichetta, per una modica cifra anche tu puoi vivere il tuo sogno austeniano. E magari innamorarti. Nella villa fuori dal tempo che la accoglie, piena di stanze e servitù, tra personaggi bizzarri che non si fanno problemi a vivere per qualche giorno nel passato, Jane conoscerà un giardiniere belloccio, ma si scontrerà anche con un gentiluomo che si crede un po' troppo affascinante. E forse vivrà finalmente il sogno più bello. Quello da vivere nella realtà.



Dopo la morte della zia Carolyn, Jane eredita una vacanza del tutto pagata ad Austenland: un posto dove sembra che il tempo si sia fermato al tempo della Reggenza e dove si usano i costumi, gli usi e i modi di fare del 1600.
Jane non potrebbe essere più felice di così : lei ama Jane Austen e ha sempre desiderato vivere all'epoca di "Orgoglio e pregiudizio", ma la sua più grande fissazione Austeniana è mr.Darcy.
Ed è proprio per questo che sua zia le regala questo viaggio: affinché possa dimenticare per sempre una volta del tutto mr.Darcy così che possa a tornare a vivere e a rifarsi una vita, senza avere degli standard così elevati. 
Appena arrivata ad Austenland fa la conoscenza degli altri ospiti, tra cui c'è mr. Nobley, un tipo taciturno, schivo e anche un po' scontroso. 
Jane sa che chiunque si trovi a Pembrook Park, a parte gli ospiti che spendono fior fior di quattrini per essere lì e divertirsi, sono degli attori, quindi sa che niente di tutto quello che accade è realtà. Quindi, non vale neanche innamorarsi in quanto i gentiluomini sono pagati per intrattenere e divertire le signore. Ed è proprio a questo punto in cui Jane capisce di non centrare nulla con quell'epoca, anzi si sente di troppo in quel posto, per cui cerca conforto in Theodore, il giardiniere, solo che nemmeno lui è onesto con lei: anche lui è un attore, e glielo rivela solo l'ultimo giorno proprio prima di partire.
Ma Jane sa che è sbagliato stringere delle relazioni all'interno di un gioco, per cui cerca di godersi i suoi ultimi giorni di vacanza ad Austenland cercando di abbandonare l'idea del "Mr.Darcy ideale", e li passa in compagnia di Mr.Nobley, la quale si rivela molto piacevole, anzi più del solito.
Quando però, la sera prima di andarsene, come da consuetudine, il gentiluomo di turno, ovvero Mr.Nobley, fa la sua dichiarazione alla giovane ragazza, ovvero Jane, quest'ultima capisce di non volere niente di tutto ciò, ma qualcosa di vero e di profondo.
Quindi respinge Mr. Nobley, ma si sa, se due cuori sono destinati a completarsi, il destino farà di tutto per intrecciare ed annodare per sempre le loro vite, ora però sta a voi scoprire il finale.
Ad essere sincera, ho iniziato a leggere questo libro con entusiasmo ma poi l'ho finito soltanto perché non è mia abitudine  lasciare un libro a metà. La storia di per se è originale è carina, ma non mi ha appassionato molto, sarà che i romanzi storici non sono il mio genere, ma l'ho trovata priva di emozione e sentimento, cosa che invece pensavo fosse abbondante in un omaggio a Jane Austen.
Il personaggio di Jane non l'ho capito è secondo me nemmeno lei stessa lo ha fatto. È una ragazza all'oro dei trentaquattro anni e non sa cosa volere dalla vita. Passa da Mr. Nobley a Theodor con una velocità supersonica, e questo scambio interposto di persone non mi piace, in quanto nella protagonista apprezzo la sincerità ma soprattutto la trasparenza, cosa che in Jane non ho trovato.
La storia come ho detto prima è carina, ma non mi ha fatto sognare di viverla, forse perché non è veritiera e lo è più delle altre. Anche le altre storie sono tutte inventate, ma riescono a scaturire in me il desiderio di viverle perché dopotutto, non si discostano molto dalla realtà, ma questa si.
E non ho nemmeno apprezzato il finale in quanto l'ho trovato troppo frettoloso è privo di emozione.
Non è un libro orribile sia chiaro, ne ho letti di peggiori, ma non posso definirlo uno dei miei preferiti.
Consiglio il romanzo a chi apprezza il genere storico.


Un bacio, Rainy Girl❤

Nessun commento:

Posta un commento