Da non perdere

giovedì 1 febbraio 2018

"Paper Heir" Erin Watt

Buongiorno ragazze!
Ecco qui la tanto attesa recensione di "Paper Heir" quarto volume della serie Royal, siete curiose?


Titolo: Paper Heir
Autore: Erin Watt
Prezzo: € 8.99 e €17.80
Formato: E-book e cartaceo
Data di uscita: 30 Gennaio 2018
Genere: Romanzo rosa contemporaneo
Pagine: 345
Trama: È nel silenzio che senti il battito del cuore. Lo senti però anche spezzarsi. Easton Royal ha tutto. È bello, divertente; possiede soldi, macchine, ragazze e un cognome che gli permette di ottenere sempre ciò che vuole. Eppure il passato gli ha lasciato parecchie cicatrici, e il suo presente è più incasinato di sempre. Gli eccessi sembrano non bastargli mai: ogni pretesto è buono per fare a botte e concedersi un bicchiere di troppo, senza pensare alle conseguenze. Tutto lo annoia ed è costantemente alla ricerca di una nuova sfida da affrontare. Forse è per questo che è così attratto dalla sua nuova compagna di scuola, Hartley Wright. Con i suoi occhi grandi e il naso all'insù, Hartley piomba nella vita di Easton in un giorno come tanti. È molto diversa dalle altre studentesse marionette della Astor Park e, soprattutto, non sembra interessata a lui. Per la prima volta, il nome dei Royal non è abbastanza. Ma Hartley è solo l'ennesima sfida, una distrazione gradita nella noia quotidiana, o davvero il più difficile da domare tra i fratelli Royal prova qualcosa per lei?




Easton Royal, il bello è dannato fratello di mezzo della famiglia Royal, è all’ultimo anno delle superiori e vuole viversi questo ultimo periodo alla grande. Prende dei voti discreti a scuola, perché le lezioni lo annoiano, beve come una spugna senza nemmeno rendersi conto dei casini in cui potrebbe mettersi e passa da una ragazza all’altra alla velocità della luce. Un giorno però, dopo una sua ennesima bravata incontra Hartley, una ragazza completamente diversa da quelle della Aston Park. Lei è schiva, silenziosa e per di più a lei non interessa la popolarità, ma solo mantenere un basso profilo. Più Easton ci prova con lei, più Hartley lo respinge, in quanto non vuole guai. Lei nasconde un segreto ed Easton Royal non è sinonimo di “basso profilo”, perciò cerca di respingerlo in tutti i modi.
Ma proprio quando sembra che East abbia fatto breccia nella corazza di Hartley, succede qualcosa che forse li dividerà per sempre.
Bene, ho letto questo libro in quanto i precedenti tre volumi mi erano piaciuti, ma non posso dire la stessa cosa di questo.
Questo libro è piatto, senza emozioni e posso anche dire senza una storia.
La narrazione è narrata esclusivamente dal punto di vista di Easton, quindi il lettore legge una sfilza dettagliata dei suoi pensieri, che alla fine sono sempre gli stessi. Easton è un tipo dal sangue caldo e soprattutto impulsivo, fa le cose e poi se ne pente, come i combattimenti clandestini oppure le sbornie che prende quasi tutte le sere.
È attratto da Hartley ma non sa nemmeno lui cosa vuole, se una notte di puro divertimento oppure qualcosa in più, per esempio una relazione stabile.
Continua a combinare guai, e con l’intento di risolverli, ne combina di peggiori facendo male a tutte le persone che ha accanto.
Gli altri personaggi sono solo una cornice in questo lungo monologo di pensieri di Easton. Reed è all’università e non si vede più, se non per qualche messaggio o qualche chiamata; Ella, pur essendo sua sorella adottiva, si vede ben poco e quando c’è non riesce ad aiutare per niente Easton, anche perché lui fa di tutto per non farsi aiutare; e per quanto riguarda i gemelli, nemmeno loro mi sono piaciuti, passano la maggior parte del tempo ad essere bacchettati dalla loro ragazza ignorando completamente Easton e tutti i suoi problemi e Gideon, si vede per una sola volta e gli dice di mettere la testa a posto (se vi state chiedendo se sia necessario leggere Paper Crown, la risposta è no.).
Easton dopotutto ha una lingua biforcuta in bocca, da cui bisogna stare lontani quando è ubriaco, (e lasciatemelo dire, East ha più alcool in corpo che sangue) altrimenti si rischia di rimanere feriti.
Hartley invece è un pezzo di ghiaccio: impassibile al fascino e alla popolarità di Easton e grazie anche alla sua reputazione, non si fida di lui.
Easton però compirà un percorso di trasformazione, che in questo libro secondo me è solo accennato, e comincerà a imparare qualcosa dai suoi sbagli e cercherà con tutte le sue forze di prendersi ciò che è suo.
La storia possiamo benissimo dire che si svolge nelle ultime dieci pagine, perché prima vengono narrate solo delle vicissitudini utili solo ad allungare il romanzo. Tutti i colpi di scena e le rivelazioni vengono fatte alla fine, lasciando il lettore con un senso di amarezza in bocca.
I romanzi precedenti li avevo amati, ma questo proprio no, e forse mi accorgo solo ora che quello che è scritto in questi romanzi è anche un po’ surreale: ragazze che lottano per la popolarità, ragazzi con milioni in banca che usano i soldi come se fossero carta igienica, intrighi e casini che neanche Harry Potter avrebbe dovuto affrontare ad Hogwarts!
Speriamo finalmente che nel secondo volume dedicato a Easton,“Paper Kindom”, in uscita il 13 febbraio, sia migliore di questo e che porti finalmente al termine tutto questi misteri svelati all’ultima pagina.


Un bacio, Rainy Girl ❤

1 commento:

  1. Ciao, sono passata a leggere la tua recensione :) Sono d'accordo con te su molte cose. Anche io, ho trovato questo quarto volume un pochino fiacco, rispetto ai primi tre. Il motivo, dal mio punto di vista, è la mancanza di un personaggio femminile forte quanto Ella in primis. E poi, la totale assenza di un coinvolgimento passionale da parte di Easton per Heartly. Easton il fratello che fino ad ora ho apprezzato meno, poiché sembra agire solo per se stesso. Non è nemmeno come Gideon. E su Gideon 200 pagine mi sono sembrate poche. :) Comunque io resto fedele a Reed il Distruttore. Se ti va passa a trovarmi. Mi farebbe piacere sapere cosa pensi della mia recensione. Io mi sono trasferita su wordpress. :) thebookperfect.wordpress.com <3 <3 <3 Alla prossima. Un bacione.

    RispondiElimina